Per gli alunni

Michael Jordan e il diritto di sbagliare

Il diritto di sbagliare.pdf
Documento Adobe Acrobat 256.8 KB

 

“Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto

far le parti uguali fra disuguali”

 

 

Per quanto il più piccolo dei tre ragazzi si possa impegnare e possa avere le potenzialità che gli permetterebbero di seguire lo stesso spettacolo offerto ai suoi compagni non ha, inizialmente,

gli strumenti per superare l'ostacolo della staccionata.

Solo quando gli viene fornito lo strumento adeguato,                               la doppia cassetta di legno, può raggiungere l’obiettivo prefissato.

 

Quando durante una verifica ti capita di vedere un compagno          utilizzare la calcolatrice, le tavole pitagoriche,                                        un questionario ridotto, una mappa concettuale, un test diverso               e a te tutto questo non viene permesso,                                                non pensare di essere vittima di un' ingiustizia:                                     stai assistendo soltanto a un gesto di equità,  ovvero dare a tutti la possibilità di partire dallo stesso punto di partenza. 

 

La Scuola ha il compito di mettere tutti nelle condizioni di esprimere          al meglio le proprie capacità individuali,

eliminando gli ostacoli che ne impediscono la piena realizzazione

e colmando le difficoltà.